Cronaca, , , ,


12 agosto 2013 19:43 — 0 Commenti

In Appennino brucia per intero la corriera per Castelnovo Monti

 

SAMSUNG

Brucia la corriera per Castelnovo ne’ Monti (fotoservizio di Matteo Ferri)

SAMSUNG SAMSUNG SAMSUNG SAMSUNG SAMSUNG

 

CASINA (12 luglio 2013) – Prende fuoco una corriera del trasporto extraurbano e “si è sfiora la tragedia se tutto questo fosse avvenuto in galleria”. Sono le parole di chi è intervenuto in località Casaleo  per gestire l’emergenza accaduta nel tardo pomeriggio di lunedì 12 agosto. Al momento la ss 63 in prossimità di Casina risulta interamente chiusa e il traffico deviato sul vecchio percorso.

L’autobus Seta era partito da Reggio Emilia alle 17.05 sarebbe dovuto giungere a Castelnovo Monti alle 18.27. Aveva già fatto tappa a Porta Castello, Rivalta, Puianello, Vezzano e La Vecchia, il Bocco.

Lungo il tragitto il dramma: la corriera, che in quel momento trasportava una 15 di persone, prende fuoco, verosimilmente per un’avaria al motore. Abile, sicuramente, l’autista che riusciva a condurre il mezzo con le fiamme che uscivano dal vano motore al di fuori dalla galleria, di Casaleo (la prima salendo da Reggio) e prima dell’imbocco di quella di Ca’ Manarino.

I passeggeri, sicuramente spaventati, scendevano incolumi, in un tratto di strada comunque pericoloso.

Intanto il mezzo iniziava ad essere avvolto completamente dalle fiamme nonostante l’intervento di tre squadre di vigili del fuoco, con altrettanti mezzi, da Castelnovo Monti e Reggio Emilia.

Sul posto l’intervento dei carabinieri di Castelnovo Monti, che chiudevano la strada, e del comandante della Polizia Municipale Matildica Val Tassobbio, Corrado Bernardi.

Prendevano fuoco anche alcune sterpaglie a monte del muro di contenimento della strada, causando un incendio al momento domato dalle squadre di soccorso. Le foto che ci invia Matteo Ferri si raccontano da sole; chi avesse particolari o aggiornamenti ce li può comunicare.

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2635 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento