Cronaca, , ,


14 ottobre 2022 20:00 — 0 Commenti

Caro bollette, l’Autorità chiarisce quando le aziende possono cambiare i contratti. Adiconsum: «Se ricevete queste lettere venite da noi»

Con comunicato odierno l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e ARERA, l’Autorità dell’Energia, hanno chiarito quando le aziende possono modificare i contratti di luce e gas. «Come avevamo correttamente interpretato, il decreto Aiuti-bis blocca esclusivamente le variazioni unilaterali delle condizioni contrattuali» – spiega Adele Chiara Cangini, Presidente di Adiconsum Emilia Centrale – «L’utente che riceve una lettera che riporta in intestazione la dicitura “modifica unilaterale” non deve dunque preoccuparsi: queste non possono trovare applicazione sino all’aprile del 2023».

Ci sono però casistiche che il Governo non ha considerato nel suo intervento a contrasto del caro bollette. Le aziende dell’energia possono infatti legittimamente cambiare i contratti in scadenza, così come operano i rinnovi dei prezzi delle offerte “placet”.

«In questi consigliamo ai cittadini di rivolgersi ai nostri sportelli» – continua Cangini – «Abbiamo concordato con aziende del territorio, ad esempio Iren, meccanismi di tutela per evitare gli importanti aggravi di costi in occasione delle scadenze contrattuali e, più in generale, possiamo aiutare il consumatore ad orientarsi nella giungla di offerte disponibili». L’Associazione consumatori della Cisl ricorda infine che sono assolutamente da contestare le comunicazioni di aumento dei prezzi per “impossibilità sopravvenuta” in capo all’azienda (a meno che non vi sia una sentenza del giudice) e le risoluzioni unilaterali dei contratti di luce e gas. È possibile prendere appuntamento con Adiconsum contattando il numero 0522/357485 (Reggio Emilia). Si può anche mandare una mail a reggioemilia@adiconsum.it

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2870 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento