Cronaca Studio Arlotti, , , , , , , , ,


22 ottobre 2020 12:42 — 0 Commenti

Coronavirus / Filtro certificato, bella e made in Appennino: è l’innovativa mascherina per le fasi 2 e 3

APPENNINO REGGIANO – 100% made in Italy, per la precisione nell’Appennino Reggiano. È la mascherina per le fasi 2 e 3 dell’emergenza Coronavirus, prodotta da Freed Up, nuova azienda che ha riunito tre “giovani” esperienze imprenditoriali. Innovativa per la scelta di design, filtro certificato per le chirurgiche, varietà di modelli. “Abbiamo iniziato a produrre ‘mascherine filtranti destinate alla collettività’ – spiega Doris Corsini, modellista e stilista – nella primavera del 2020, in pieno lockdown. Grazie alle mie competenze sartoriali, e ad Andrea Dallari col suo impegno e il laboratorio tessile, con molte volontarie abbiamo regalato alla Croce Rossa, ai Carabinieri, ai cittadini e alle maestranze comunali alcune migliaia di mascherine nella fase rossa dell’emergenza”.

Nel mentre Gabriele Arlotti ha apportato le proprie competenze imprenditoriali con la ricerca di materiali certificati, reperiti non senza fatica sul mercato: “è la prima mascherina di design in Italia che utilizza uno stesso tipo di filtro utilizzato per le mascherine chirurgiche”.

È nata così Freed Up azienda con sede in Carpineti e che si pone fra i produttori che propongono il maggior numero di modelli fra cui scegliere: oltre 130. Un piccolo brand che ha come consulente scientifico l’ingegner Giorgio Taglietti, ex responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’Asl di Brescia, consulente di strutture sanitarie e autore di autorevoli articoli in materia. Queste collaborazioni hanno creato le basi per realizzare una mascherina che, oltre a essere bella, ha un filtro certificato ai sensi della UNI EN 14683:2019 (Mascherina chirurgica Tipo I, Tipo II e Tipo IIR), una particolarità unica. Essendo sanificabili più volte, inoltre, hanno il pregio di avere un costo unitario inferiore alle chirurgiche ed essere ecologiche, visto il riutilizzo e la possibilità di riciclo.

“Il processo è stato fatto di prove, ricerche di materiali, tentativi di migliorare quanto già si stava facendo – prosegue Doris Corsini – abbiamo quindi voluto il filtro migliore fra i certificati equivalenti per le chirurgiche e il modo per intercambiarli. Gli elastici più performanti e morbidi con il sistema per regolarli e i tessuti più adatti. Soprattutto abbiamo richiesto che questi componenti fossero tutti di produzione italiana. Abbiamo selezionato tra oltre 50 campioni i quattro che permettessero il maggiore confort e respirabilità, mantenendo al contempo la sicurezza di una protezione totale. Per chi ha volti minuti e per i bambini è stato studiato anche un modello più performante”.

Parte del confezionamento è svolto da ragazzi diversamente abili del “CTO Labor” di Cavola, per sostenere la loro indipendenza economica e proseguire con l’impegno sociale da cui è nato il brand Freed Up. In questa ottica nasce anche la collaborazione con il “Nuovo Comitato Nobel per i disabili onlus”, si andranno, infatti, a realizzare modelli con stampe firmate dagli artisti di “Arte IRegolare” e il ricavato sarà interamente devoluto al comitato.

Anche i testimonial della campagna promozionale sono stati scelti fra i ragazzi e le ragazze d’Appennino, immortalati in luoghi suggestivi come le Fondi di Poiano o la Pieve di Santa Maria di Toano, le loro foto sono sul sito www.freedup.it

Le mascherine Freed Up sono disponibili anche in alcune farmacie del territorio e  si stanno selezionando rivenditori la rete di distribuzione   (info@freedup.it oppure WhatsApp o telefonate al 351 837 1099).

 

 

APPROFONDIMENTO

La proposta di Freed Up riguarda maschere facciali, made in Italy al 100%, alla moda o di design personalizzabile, realizzate con tessuti adattati con particolari soluzioni tecnologiche e dotate di un filtro protettivo, anche intercambiabile, certificato equivalente a quelli delle mascherine chirurgiche o sanificabile.  Queste mascherine possono essere utilizzate da parte di tutti gli individui presenti sul territorio nazionale, conformi alla Circolare del Ministero della Salute 3572-P-18/03/2020.

Il filtro scelto è un materiale sostenibile perché il processo di produzione è sviluppato in modo da garantire il completo riciclo a vantaggio di un’economia circolare, protegge dalle infezioni ed evita l’insorgere di allergie da contatto. Se riciclato fa bene all’ambiente.

Le mascherine Freed Up sono riconoscibili per la caratteristica borchietta di qualità color argento, poste sul lato sinistro. Come capi d’abbigliamento fashion, sono vivaci, colorate e piacevoli da indossare, anche psicologicamente.

Elisa Manfredini si è unita al gruppo di lavoro portando le sue competenze come web designer e curando la campagna di promozione nazionale. “Uso ogni giorno i nostri prodotti e mi rendo conto di quanto siano veramente comode e pratiche, oltre che sicure – afferma Elisa – Questo mi sprona nel lavoro e mi fa essere orgogliosa di far parte di questo progetto”.

Le mascherine Freed Up si possono acquistare online sul sito Freed Up e presso farmacie e i rivenditori autorizzati.

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2608 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento