Cronaca, , , , , ,


8 agosto 2019 10:05 — 0 Commenti

Lupi sbranano due manze da 3,5 quintali. L’allevatore Dolci: “Sono danni accettabili”

Nel logo aziendale ha due lupi ululanti e, forse, mai nome potrebbe essere più realista dato quanto è purtroppo accaduto all’azienda agricola Ca’ dei Lupi di Martino e del figlio Daniele Dolci. Siamo nel Comune di Ventasso, a Palarino, e qui, questa volta, ad avere la peggio, una quindicina di giorni fa, sono stati due giovani animali dell’azienda agricola condotta da Martino Dolci, già sindaco  di Ramiseto e presidente della Latteria del Parco.

La storia di questa azienda è intrecciata a quella della famiglia Dolci, che oramai da oltre un secolo (1852) porta avanti la tradizione di allevatori cominciata da nonni e bisnonni.
L’ azienda agricola di oggi si occupa della produzione di latte da destinare alla lavorazione del Parmigiano Reggiano prodotto proprio dal Caseificio Sociale del Parco e conta circa 200 capi di bestiame e 70 ettari di terreno.  

Parliamo con Martino Dolci: “Una manza la abbiamo ritrovata trovata sbranata nei pressi della stalla, l’altra non la abbiamo più ritrovata”, spiega l’allevatore “Sul posto l’intervento degli esperti dell’Asl e del Parco nazionale”, anche se il Palarino è all’ingresso ma non dentro il perimetro del Parco.

“Gli animali attaccati sono manze di 1 anno e mezzo, dal peso di 3 quintali e mezzo, che però avevano qualche problema di salute e quindi non facevano branco con le altre”.

I lupi vi capita di vederli?

“Certo, l’altro giorno anche in gruppi di 5, oltre che alle numerose orme. Va detto però che i lupi hanno fatto un lavoro utile: in questi anni, infatti, la presenza di cinghiali è più che dimezzate. Preferisco avere qualche danno come questo che quelli che subivamo prima ad opera proprio dei cinghiali che devastavano i campi”.

“Solo se dovessero i lupi dovessero esagerare si prenderanno provvedimenti, però, ripeto, ad oggi sono state colpite due manze che si stavano riprendendo ma che non erano ancora in forza”.

Gli animali uccisi saranno rimborsati?

“Al di fuori dell’area Parco, la competenza è di Provincia e Regione: spero possano si possano indennizzare anche questi animali”.

Ed ora?

“Finita la fienagione, abbiamo realizzato fatto un recinto apposito elettrosaldato per le 60 manze: ora sono lì sono al sicuro. Cosa che, però, non è possibile fare per i pascoli estivi limitati da solo filo spinato”.

 

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2495 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento