Cronaca, , ,


10 luglio 2018 18:27 — 0 Commenti

Una svastica sulle maglietta rossa delle suore. Ma chi ha paura di una maglietta rossa?

L’atto vandalico nei confronti di un manichino alla Casa d Carità di Cagnola raggiunge un obiettivo. Quello della visibilità sui giornali e, certo, poteva essere un motivo per non parlarne affatto.

Ma crediamo che non ci si debba ancora anestetizzare al male, al senso del becero, all’indifferenza alla pietà. Da domani questa notizia avrà ampio risalto su altri media, oltre al nostro. Ma prima ancora crediamo ci sia ampio spazio per una reazione positiva che ricorda quanto è grande il cuore della gente di montagna. Gente che è migrata, che ha accolto, che è stata respinta ma che, non senza sacrificio, ha ricacciato da sempre svastiche e orrori.

Si possono avere pensieri differenti, certo, sulla gestione del difficile tema migratorio, ma non ci si può abbandonare né al razzismo né all’idiozia.

Tra le immagini più strazianti apparse sui media negli ultimi anni c’è quella di Aylan, bambino siriano scappato dall’inferno di Kobane. Quasi sembrava dormire su una spiaggia Turca e, invece, non era riuscito a compiere il viaggio assieme ai genitori e ai fratellini. Con lui morirono un altro fratellino, Galip di 5 anni, la madre Rihan di 35, e altre 10 persone. Poi c’è lo scatto di un poliziotto turco che, come un padre, lo prende tra le sue braccia e ne ricompone il corpo. Ecco, in quella seconda immagine c’è tutta la forza dell’amore. Anche in Italia, anche in montagna.

(editoriale su Redacon)

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2364 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento