Territori, , , , ,


15 dicembre 2017 10:49 — 0 Commenti

Oasi del Trigolaro, 285 bambini in visita per educare nel rispetto dell’ambiente. L’area ospita una fauna unica ed è importante per la sicurezza idraulica

 

“Un bilancio estremamente positivo, che ci impone un impegno maggiore nel favorire la conoscenza e il rispetto dei nostri territori” Esprime parole di soddisfazione, il presidente del Consorzio di Bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po, Ada Giorgi, nel commentare i dati sulle visite guidate registrati nell’Oasi Trigolaro di Suzzara nell’anno che sta per concludersi. Più di 285 bambini, infatti, hanno partecipato durante l’anno alle visite guidate organizzate dal Consorzio e dal Wwf, suddivisi in circa 14 classi delle scuole primarie.

“L’area del Trigolaro – aggiunge il presidente –  è di estrema importanza per la sicurezza idraulica del territorio. Con il Wwf lavoriamo per incentivare una corretta educazione ambientale e per far conoscere a tutti l’importanza delle attività del Consorzio di Bonifica per la tutela del territorio”.

L’Oasi del Trigolaro è una vasta area che funziona come cassa di espansione per mitigare le piene del canale Trigolaro che raccoglie le acque dell’area urbana di Suzzara, proteggendo i territori di valle da possibili alluvionamenti e migliorando la risorsa con un effetto fitodepurativo delle acque. Uniche e singolari sono la flora e la fauna che abitano l’area per gran parte dell’anno. In inverno, ad esempio, è facile avvistare il germano reale che utilizza l’oasi come sito di riposo. Ma tanti altri sono gli uccelli migratori che si possono vedere: gazza, storno, falco pellegrino, ciuffetto, martin pescatore, albanella reale, averla piccola, tarabusino, nitticora, sgarza, cavaliere d’Italia e piro piro boschereccio.

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2319 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento