Cronaca, , ,


2 novembre 2017 8:57 — 0 Commenti

“Il mio non è un addio, ma un arrivederci”. Carpineti saluta il maresciallo Mancino

Dopo 26 anni di ininterrotta attività Raffaele Mancino lascia la stazione di Carpineti. Il maresciallo, nato a Caserta 50 anni fa, ha annunciato l’addio nella sua pagina Facebook, ma anche in un singolare gruppo di cittadini del carpinetano, coordinato da lui stesso, col quale ha dato una fattivo e reale risposta alle paure della popolazione montanara a seguito dei numerosi furti nelle case; un’idea che, in cambio, ha consentito ai carabinieri di ottenere anche preziose segnalazioni sugli spostamenti di sospetti o malviventi. Significativa, in questo senso, la recente iniziativa che ha consentito ai militi di sgominare la banda dei due albanesi che avevano messo a soqquadro le abitazioni in diversi comuni dell’Appennino, ma anche molte altre operazioni, compresa l’importante attività di educazione nelle scuole.

Raffaele Mancino è anche il milite che, assieme a Fabrizio Magri, la sera di domenica 22 maggio 2005 entrava nell’albergo di Carpineti invaso dal fuoco per trarre in salvo persone e recuperare due salme, rimanendo a sua volta intossicato. I militari erano fuori servizio. Per questo “chiaro esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere” ricevettero due anni più tardi un encomio solenne dall’arma dei Carabinieri.

“Il mio non è un addio, è un arrivederci”, ha scritto Mancino nel congedarsi dagli amici: “Dopo oltre 26 anni, lunedì 6 novembre lascio il  Comando della Stazione Carabinieri di Carpineti per intraprendere un nuovo ruolo lavorativo nella città di Bologna. Ringrazio tutti per la vicinanza mostrarmi. Un ringraziamento a tutti i dipendenti dell’amministrazione comunale presente e passata. Al sindaco Borghi Tiziano, ai suoi predecessori, Nilde Montemerli, e un ricordo particolare al compianto sindaco Comi Tonino. A monsignor Guiscardo Mercati e a don William Neviani. A tutti i ‘miei Carabinieri’ che i in tutti questi anni mi hanno supportato e sopportato. Un ringraziamento particolare a tutti i cittadini di Carpineti che nei momenti di difficoltà e bisogno mi hanno mostrato tutta la loro vicinanza ai quali chiedo di continuare ad essere vicini ai Carabinieri. Un ringraziamento ai dottori Marco Santi e Walter Dallari Walter sempre disponibili. Mi raccomando… sempre uniti contro il crimine. Ovviamente questo messaggio non vuole essere un addio ma un arrivederci. Questi luoghi e i suoi abitanti non si dimenticano facilmente. Grazie di cuore a tutti… Grazie… grazie”.

Commenti

Commenti

A proposito dell'autore

Gabriele Arlotti ha scritto 2301 articoli per Studio Arlotti

Lascia un commento